Bando di servizio civile universale: attiva la SPID per candidarti!

spid_scu

Comunicato Stampa – Teana 18 Dicembre 2023

Il 22 e 23 Dicembre la Pro Loco Teana APS si appresta a festeggiare il ventennale della sua attività, venti anni caratterizzati da grande passione e dalla considerevole valorizzazione del territorio e delle tradizioni del nostro amato paese. Gli eventi in calendario sono patrocinati dal Comune di Teana e dall’Unpli Basilicata APS e si svolgeranno nella Sala Multimediale Marino di Teana.

  • Venerdì 22, alle ore 20.00, si terrà lo spettacolo dell’Arthea Esemble – Musiche e suoni del Mediterrano, inserito nel FEstival Appennino MEditerraneo della Fondazione Appennino.
  • Sabato 23, alle ore 17.00, si terrà il convegno “Pro Loco e Territorio: l’importanza delle Pro Loco nelle piccole comunità”, interverranno:
    • Vincenzo Salvo, Presidente Pro Loco Teana APS;
    • Vincenzo Marino, Sindaco del Comune di Teana;
    • Antonino La Spina, Presidente Unione Nazionale Pro Loco D’Italia;
    • Vito Sabia, Presidente Comitato Regionale UNPLI Basilicata;
    • Pierfranco De Marco, Consigliere Nazionale UNPLI,
    • Carmelo Lofiego, Gal Cittadella del Sapere;
    • Vincenzo Lo Vaglio, Presidente Pro Loco Teana dal 2007 al 2017;
    • Rosa Santini, Presidente Pro Loco Teana dal 2003 al 2007.

Il convegno sarà l’occasione anche per presentare il nuovo logo ufficiale che accompagnerà l’associazione nei prossimi anni.

Concluderà l’evento un buffet di ringraziamento e il DJSet di Rosario Damiani e VitaGiò – Vinyl Sound.

Così il Presidente Salvo: “In venti anni la consapevolezza che abbiamo come popolazione sulle nostre tradizioni, sulla nostra cultura e sulle bellezze naturalistiche è sicuramente aumentata grazie anche al nostro lavoro, al lavoro di tutti i dirigenti e di tutti i nostri soci, donne e uomini che in questi venti anni hanno messo a servizio della Pro Loco e quindi della comunità, il loro tempo. Questi 2 giorni di festa sono principalmente il modo per ringraziare tutti loro e per continuare a sensibilizzare anche e soprattutto le giovani generazioni sul quanto sia importante impegnarsi in questo tipo di attività che valorizzano il territorio ma sono anche opportunità, di confronto e quindi di crescita personale per ognuno di noi”

Cosi il Sindaco di Teana: “Il lavoro delle Pro Loco sul territorio è di inestimabile valore culturale, di promozione e soprattutto sociale. Un ruolo importante e nevralgico delle ProLoco è quello di supporto e
collaborazione con le pubbliche amministrazioni nello sviluppo di progetti culturali e turistici, le ProLoco rappresentano la costola delle amministrazioni e devono essere valorizzate e coinvolte nella programmazione amministrativa. Credo che presto le Pro Loco del territorio, ed in particolare quelle del
Serrapotamo, matureranno quel senso di collaborazione e sinergia che hanno già intrapreso i comuni con La Via del Miskiglio, dando un ulteriore spinta alla redenzione di questo territorio.”

Non ci resta che darvi appuntamento per il 22 e 23 Dicembre a Teana, vi aspettiamo!

Ufficio Stampa
Pro Loco Teana APS


Altre News

Il Popolo

Composto da un numero variabile di persone, che indossano prevalentemente abiti di fortuna che ritraggono figure femminili. Durante il processo incitano la corte a condannare a morte Carnevale, che durante l’anno ha approfittato della loro bontà.

La Legge

Forza esecutrice del processo a carnevale.

Composta dal giudice; colui che condanna a morte Carnevale, con la “Cioccola”, che verrà usata durante il processo per zittire la gente. L’avvocato d’accusa, che accuserà Carnevale di aver bevuto e mangiato a crepapelle nelle case del paese con un’arringa dalle futili argomentazioni. L’avvocato di difesa che cercherà in tutti i modi di scagionarlo, portando esempi riferiti a fatti più gravi avvenuti durante l’anno trascorso nella comunità. Vestiti tipici di questi ruoli sono quelli di uso comune all’interno di una corte.

Le Guardie

Rappresentano l’ordine pubblico con finti fucili di legno e maschere di pelle. Indossano divise di colore verde (giacca, pantalone e cravatta), camicie verdi o nere e scarponi.

Per tutto il giorno due di loro hanno il compito di tenere incatenato Carnevale, che a fine giornata sarà fucilato. Gli altri due, invece, cercano invano di trattenere l’Urs che con la sua forza selvaggia scappa spaventando vecchi e bambini.

U Miedc

Vestito con abiti eleganti e soprabito. Impugna la valigetta con gli attrezzi del mestiere.  Seguito da due infermieri vestiti di bianco e una valigetta di pronto intervento.

Sono sempre allerta per soccorrere Carnevale, quando cade a terra e si sente male, per aver mangiato e bevuto troppo.

U' P'zzent

Rappresenta l’uomo povero.

Porta un pastrano e un cappello nero, a tracolla un sacco “à vertul” dove mette le offerte culinarie. È il capofila della mascherata è lui ad indicare il percorso. Bussa alle porte con la “Cioccola”,  Le maschere di Teana non parlano per non farsi riconoscere, ma lui è l’unica Maschera, che camuffando la voce, ha il privilegio di pronunciare un’unica parola “U Zizz”

Una vecchia credenza dice che i morti bussano alle porte delle case, e il pezzente è proprio la figura che fa da tramite tra il mondo dei vivi e quello dei morti. Bussando alle porte tutti gli danno da bere e da mangiare. Questo gesto viene considerato dagli anziani come un’indulgenza per l’aldilà.

U' Portafurtun

Offre la fortuna alla gente in cambio di qualche dono, che un tempo erano pietanze tipiche come uova e salsicce, mentre oggi qualche moneta.

Porta un mantello nero, maschera di pelle e una gabbietta fatta con rami di salice intrecciato a fili di metallo con dentro due colombe. Sulla parte superiore della gabbia due corna di Caprone. Di fianco la gabbietta si trova un piccolo cestino con dei bigliettini su cui c’è scritta la fortuna del cliente, proverbi antichi scritti in dialetto.

Le colombe simboleggiano il messaggio che arriva dalla Natura per prevedere il destino di chi prede il biglietto. Questa maschera non ha una postazione precisa, ma è libera di vagare per l’allegro corteo disordinato ed entrare nelle case, perché le maschere sono considerate di buon auspicio e nessuno osa cacciarle via.

Gli Sposi

Con la loro unione simboleggiando l’inizio di una nuova vita. Vanno a braccetto. Ballano come una vera coppia nel giorno del matrimonio, girano qua e là tra i partecipanti della mascherata portando allegria e invitando tutti a ballare.

Il vestito della Sposa, rigorosamente bianco, una parrucca cucina al velo e un bouquet realizzato ogni anno con spezie tipiche del luogo (rosmarino, origano, peperoncino). Il vestito dello Sposo è scuro ed elegante, indossa un cappello.

Carnuluvar e Quaremma

CARNULUVAR

È per lui che si organizza lo spettacolo. Deriso da tutti, rappresenta i vizi dell’uomo, ingordo, ubriacone indebitato; in testa porta un cappello di paglia “a paghjiett”, il volto coperto da una maschera di iuta, indossa abiti di velluto (pantalone, giacca e gilet) e una camicia di cotone bianca che copre un grosso pancione che ne ostacola i movimenti, al collo porta “u sauzizz” che ha rubato e mangiato nelle case del paese, impugna un bastone con in alto legata una bottiglia di vino dalla quale si disseta durante la sfilata. Legato con funi viene trascinato dalle guardie. Durante l’allegra processione cade a terra ripetute volte. Alcune leggende narrano, che le cadute di Carnevale simboleggiano le cadute di Gesù durante la processione del venerdì santo. Come Gesù anche lui sa che alla fine dello “spettacolo” verrà condannato a morte.

QUAREMM

Moglie di Carnevale. Porta sul capo un fazzoletto e uno scialle nero, camicia bianca, gonna nera e calze di lana grezza. Raffigura la quaresima. Piange, si dispera perché perderà il marito e toccherà a lei pagare i debiti di Carnevale. Porta con sè un fuso e la lana che filerà durante tutta la mascherata. Il fuso rappresenta la vita, la lana avvolta in un gomitolo il tempo che passa.

FAMIGLIA CARNLUVAR

Composta da sei figlie femmine Anna, Susanna Rebecca e Ribanna, Cecilia, Sabbetta e solo un figlio maschio “Taramanno”. Vestiti con abiti di fortuna che richiamano l’antichità delle maschere. (Vesti lunghe, calze grezze, gonne larghe, camicette e giacchette di lana sottile, scarponi – Abiti di velluto scuri, cappello che richiamano lo stile del padre).

L'Urs

Rappresenta la natura selvaggia, un connubio tra Uomo e Natura. Si nasconde nei boschi e torna nel paese solo nel periodo di carnevale.

Si narra che, gli sposi che non riuscivano ad avere figli facevano entrare l’Urs nella camera da letto come segno di buon auspicio. È un costume di pelle di caprone, adeguatamente lavorata, stagionata e cucita artigianalmente; adornata con 3 campanacci, 2 piccole e 1 media, sorretti da un’imbracatura di catene che si prolungano dal dorso per consentire la presa de l’Urs da parte delle guardie.

Sul lato posteriore, è sorretta dalla stessa imbracatura “á camastr”. Parte integrante di questo costume è “u munnul” (un bastone con uno straccio che veniva usato dalle donne per stemperare il forno e purificarlo dalla cenere) che viene impugnato dalla maschera, bagnato nelle fontanelle e lanciato contro i passanti come segno di purificazione.